PARROCCHIA SANTA MARIA DELLA NEVE - PORTONE

P.zza della Vittoria 14 | SENIGALLIA



13May NSP - Pozzo
Condividi

nsp-puls3

Padre Peter ci ha fatto percepire che nella sua parrocchia il problema dell’acqua è molto grave. Le persone, specialmente donne e bambini, spendono un grande quantità di tempo e di energie nella ricerca dell’acqua. Ogni giorno per 5-6 ore vanno in giro per cercare l’acqua, percorrendo anche 15 km a piedi per arrivare alla fonte più vicina.

Anche la chiesa di Lowerere non ha acqua. Il pozzo scavato nella parrocchia sarebbe una grande risorsa per tutte le persone che vivono nei villaggi intorno alla parrocchia.

Non si poteva non dare ascolto al grido di aiuto della comunità di Lowerere. La nostra comunità del Portone si è messa in moto con grande entusiasmo per raccogliere i fondi necessari per la costruzione di un pozzo.

  • Dalle prime indagini geologiche (19 Maggio 2007) risulta una alta probabilità che ci sia acqua nel sottosuolo della parrocchia, ad una profondità di 140 metri. Questo ci spinge ad andare avanti in questo progetto.
  • All’inizio del 2008 iniziano i lavori per la costruzione della grande cisterna che raccoglierà sia l’acqua piovana convogliata dagli edifici parrocchiali intorno a questa, sia l’acqua pompata dal futuro pozzo.
  • Alla fine di gennaio 2008 arriva a Lowerere la macchina di trivellazione dei pozzi della “Water Solutions Drilling Co-Ltd”. La prima trivellazione permette la realizzazione di uno scavo profondo 146 metri al termine del quale però non si trova acqua.
  • Nella seconda trivellazione, a circa 100 metri di distanza dal punto della prima, la macchina è costretta a fermarsi alla profondità di 75 metri: la presenza di strati di roccia dura e di cavità carsiche nel terreno, che causano il continuo franamento del terreno circostante, non permettono alla macchina di andare oltre.
  • È necessaria una macchina più potente, con una tecnologia che permette di proseguire lo scavo, ma che purtroppo questa macchina èunica in tutto il territorio nazionale. La lunga lista di attesa obbliga Lowerere ad interrompere momentaneamente i lavori del pozzo e ad affidare al Signore la buona riuscita dell’opera.
  • Intanto il 25 ottobre 2008 si concludono i lavori di costruzione della cisterna, la quale viene benedetta dal Vescovo della Diocesi di Moshi, Isaac Amani, in occasione della visita di Sua Eccellenza alla parrocchia di Lowerere e della Cresima.
 
13May NSP - In ricordo di Marco e Veronica
Condividi

In ricordo di Veronica e Marco

La parrocchia del Portone con il progetto NonSoloPozzo e la Parrocchia di Lowerere ricordano con gratitudine e immenso affetto Veronica Esposto Berardinelli che è stata tra le pioniere del gemellaggio Portone-Tanzania. A lei e al fidanzato Marco vanno il nostro continuo ricordo nella preghiera. Siamo certi che incontreremo di nuovo l'indimenticabile sorriso di Veronica; nell'attesa di quel giorno lo contempliamo risplendente attraverso i volti dei bambini di Lowerere e in ogni cosa bella e piena di luce...

vero1

Per sostenere il progetto NonSoloPozzo si possono effettuare versamenti e bonifici sui conti intestati a: Parrocchia Santa Maria della Neve specificando la causale "progetto NonSoloPozzo - Veronica e Marco" sul conto bancario presso la BCC di Pergola e Corinaldo, codice IBAN: IT11V0873121300000150108002

 

vero4vero6

vero3

 

Dalle parole del Vescovo al funerale di Veronica e Marco

Ci raccogliamo sgomenti qui, accanto alle bare di questi due giovani, di fronte alla tristissima realtà della morte, per condividere momenti di sofferenza profonda. E’ tutta la comunità locale che si sente impoverita dalla perdita di queste due giovani vite. Con Marco e Veronica perdiamo dei volti solari, il sapore della giovinezza, lo sbocciare di un innamoramento, un avvenire di belle speranze. Perdiamo il sorriso di due cuori generosi, che amavano la vita e volevano fare contenti anche altri: si spiega così il servizio di volontariato di Marco e l’impegno di Veronica in tante attività parrocchiali a favore dei ragazzi e anche di progetti di sviluppo per il Terzo Mondo.

Tutto sembra ormai finito, gli affetti spezzati, i sogni crollati, le speranze deluse. E’ stato così anche di fronte a un’altra morte, non meno crudele e ingiusta. Aiutati dal Vangelo di oggi andiamo anche noi a Gerusalemme, in quel leggero altipiano che tutti chiamavano Golgota. Anche lì c’è un figlio, Gesù di Nazareth, che muore dopo una straziante sofferenza. I discepoli pensavano che ormai fosse tutto finito: “Speravamo fosse lui a ricostruire Israele”. “Da mezzogiorno alle tre si fece buio su tutta la terra”. Così oggi anche per noi è buio. Ma quel buio non durò per sempre. Quel venerdì santo non si è concluso con una sconfitta. Gesù ha vinto la morte: è risuscitato. E la sua risurrezione apre la porta alla nostra risurrezione. Se Lui è risuscitato, anche noi in Lui possiamo risorgere.

vero2

Potete strappare tutti i fiori,                                                       ma non potete impedire che la primavera ritorni  

(Proverbio africano)

 
13May NSP - Un mattone per Lowerere
Condividi

nsp-puls2

  

Terminati i lavori di ampliamento dell'asilo

Nel mese di febbraio 2012 sono terminati i lavori di ampliamento iniziati a dicembre 2011. Si è successivamente proceduto con l'acquisto del mobilio e l'allestimento delle varie aule.

asilo_ampliato

 

L'ampliamento dell'Asilo Sant'Anna iniziato nell'Avvento 2011

Nel novembre 2011 abbiamo accolto l'invito di Padre Peter che ci richiedeva un ampliamento dell'Asilo S. Anna. Le famiglie che fanno richiesta di iscrivere i figli all'asilo sono tante e i bambini arriveranno presto a 200. Si rende necessario un ampliamento dei locali. Il progetto prevede un costo di circa 15000 € che ci siamo impegnati a sostenere. A questo scopo verrano destinati i fondi raccolti in memoria di Veronica e Marco e una targa commemorativa verrà collocata in questa sezione dell'Asilo. I lavori sono subito iniziati. Padre Peter desidera finire il più presto possibile, cioè per l'inizio del nuovo anno scolastico: gennaio 2012.

 

KINDERGARTEN_BUILDING_3_177

Inizio dei lavori di ampliamento: novembre 2011

bacheca-nsp-p

Come è nata l'idea dell'Asilo nella quaresima 2010

“Le mani aperte vanno più lontano delle gambe” (proverbio africano). È con questo spirito che da una promessa del nostro parroco don Giuseppe si è concretizzata l’iniziativa della costruzione di un asilo per la comunità parrocchiale di Lowerere in Tanzania.

Nel febbraio 2010 don Giuseppe, visitando insieme ad una famiglia la comuintà di Lowerere, ha voluto portare un segno della nostra amicizia impegnando la nostra parrocchia nella realizzazione di un asilo: in quell’area i bambini, soprattutto i più piccoli, trascorrono la loro giornata soli, lasciati alle cure dei fratelli di qualche anno più grandi, mentre i genitori sono costretti ad abbandonare la famiglia in cerca di lavoro nelle città lontane. Da qui l’importanza di avere uno spazio in cui i piccoli possano ricevere una cura maggiore e un’educazione attenta. In un asilo potrano iniziare a padroneggiare lo Swahili e non solo il dialetto locale, così quando poi potranno andare alla scuola primaria riusciranno a trarre maggiore profitto dalle lezioni.

tanzania2_261

Nel tempo quaresimale (Marzo 2010) abbiamo proposto l’iniziativa “Un mattone per Lowerere”: rinunciare a qualcosa che per noi è superfluo per acquistare simbolicamente 1000 mattoni da 10€ ciascuno; il ricavato ha permesso la costruzione dell’intero asilo. Grazie alla generosità di tanti parrocchiani e all’audacia del nostro parroco nel far capire questa necessità, tanto è stato fatto, ma molto è ancora da fare.

Non dobbiamo mai dimenticare che la bellezza di ogni relazione di aiuto non è mai a senso unico. La gente di Lowerere ha tanto da trasmetterci e la vera ricchezza non sta nel pozzo o nell’asilo, ma nel legame di fraternità che ci unisce, sotto lo sguardo del Signore.

 Costruzione della asilo

Sabato 27 novembre 2010 Il vicario generale della Diocesi di Moshi ha visitato Lowerere e ha conferito il sacramento della Cresima ai ragazzi della Parrocchia. Al termine della celebrazione ha visitato il nuovo asilo e lo ha benedetto. All'asilo è stato dato il nome di Sant'Anna Kindergarten.

Fine dei lavori e inaugurazione dell'asilo

manifesto_inaugurazione_sito

 
13May NSP - 100 divise per Lowerere
Condividi

nsp-puls5

In occasione della Quaresima 2011 i ragazzi del Catechismo della parrocchia hanno deciso di portare avanti come iniziativa di carità il progetto "100 divise per l'asilo".

L'obiettivo di acquistare le divise per tutti i bambini che hanno da poco cominciato a frequentare l'asilo a Lowerere, e che le loro famiglie non si potrebbero permettere di pagare, è stato pienamente raggiunto grazie all'impegno dei ragazzi del catechismo e dell'ACR.

Padre Peter ringrazia di cuore tutti i ragazzi e ci ha inviato alcune immagini dei bambini dell'Asilo con la loro divisa che reca i colori della Tanzania e dell'Italia ad indicare il legame che unisce i nostri due paesi.

Nelle immagini che Padre Peter ci ha spedito anche le aule con le sedie e i banchi.

 

Un primo piano della divisa

KINDERGARTEN_LEO_004aula_banchiuniformi asilo


Immagini dell'apertura dell'asilo - 21 febbraio 2011

asilo1

asilo2


asilo5asilo3


asilo4

manifesto_divise


 
13May NSP - Sostegno a Lowerere
Condividi

nsp-puls4

E' nostra premura anche aiutare la comunità di Lowerere nei bisogni primari delle persone; in alcune stagioni dell'anno la siccità è tale che tutte le piantagioni nel territorio della parrocchia non riescono a produrre alcun frutto, per cui molte persone non riescono seriamente a procurarsi cibo per se e per la propria famiglia.

Padre Peter ci ha chiesto di aiutarli a superare queste situazioni critiche, contribuendo all'acquisto di alcune riserve alimentari (in particolare riso e frumento), che poi Padre Peter si occuperà a distribuire alle famiglie più bisognose.

Inoltre abbiamo acquistato per la parrocchia di Lowerere quattro macchine da maglieria, in modo da avviare un corso per ragazze; anche questa potrebbe essere una risorsa per quelle ragazze del villaggio che non possono permettersi di continuare gli studi.

 
13May NSP - Tutti a scuola
Condividi

nsp-puls1

Siamo partiti con il progetto di dare l’acqua alla comunità di Lowerere (Tanzania) dove opera il nostro amico Padre Peter. La risposta della nostra comunità èstata fantastica e sorprendente!
L’amicizia è diventata più salda dopo il viaggio di un gruppo di parrocchiani insieme a don Francesco. Visitando quei luoghi ci siamo accorti di quanti ragazzi vivano in famiglie che fanno fatica a seguire i figli. Molti ragazzi tra i 10 e i 16 anni, traloro diversi orfani, non possono andare a scuola perché troppo poveri. La loro povertà è tale che non possono  permettersi né il pagamento della retta né la divisa scolastica; senza vestiti adeguati talvolta si vergognano perfino di presentarsi in chiesa. I loro genitori, che si recano al lavoro, spesso lasciano questi ragazzi soli tutto il giorno ad occuparsi dei fratelli più piccoli.
L’istruzione è l’investimento più importante per un paese in crescita come la Tanzania.

tanzania3_168Grazie ad una adozione a distanza vogliamo permettere loro di frequentare le scuole, finanziando con un’offerta di 300€ all’anno:

• la divisa scolastica, scarpe, calzini, biancheria intima

• retta e mensa scolastica

• penne, libri, fotocopie, testi…

 
La comunità del Portone intende anche in questo modo proseguire il gemellaggio di fraternità con la comunità di Lowerere (Tanzania).

tanzania3_172

 
In primo piano
Condividi

In primo piano

oratori   biblico

 
Gli avvisi della settimana
Condividi

Gli avvisi della settimana 

 
Galleria fotografica
Condividi

banner-foto

 

La Parrocchia

Galleria storica

Immagini della parrocchia

La parrocchia dall'alto

 

Famiglie

Vacanza famiglie - 2004

Vacanza famiglie - 2005

Vacanza famiglie - 2006

Fonte Avellana - aprile 2007

Vacanza famiglie - 2007

Vacanza famiglie - 2008

Vacanza famiglie - 2009

 

Celebrazioni

Festa della SS. Trinità - 2004

Festa Madonna della Neve - 2006

Pasqua 2010

Pasqua 2012

 

Cresime

2003  -  2004  -  2005  -  2006  -  2007  -  2008  -  2009 - 2010 - 2011

 

Prima Comunione

2003  -  2004  -  2005  -  2006  -  2007  -  2008  -  2009 - 2010 - 2011 - 2012

 

Campiscuola

Anno 2004:            4 elementare         5 elementare  
Anno 2005:            4 elementare         5 elementare  
Anno 2006:            4 elementare          5 elementare  
Anno 2007:             4 elementare         5 elementare        3 media
Anno 2008:            4 elementare         5 elementare        3 media
Anno 2009:            4 elementare         5 elementare        animatori GSB
Anno 2010:            4 elementare         5 elementare        animatori GSB
Anno 2011:         4e5 elementare
       animatori GSB 
Anno 2012 4 elementare 5 elementare video 4 elem

 

Oratorio

Inaugurazione oratorio

Festa di San Martino - 2003

Carnevale 2004

Presepe 2005

Festa finale - 29 maggio 2005

Inaugurazione campetti - 22 gennaio 2006

Festa finale - 27 maggio 2007

Festa finale - 24 maggio 2008

Tombola di Beneficenza per Lowerere (28 dic 2010)

Spettacolo Oratori Portone, Ciarnin, Cesanella (7 maggio 2011)

Tombola di Beneficenza per Lowerere (29 dicembre 2011)

Festa di Carnevale 2012

Oratori in Festa (Portone e Ciarnin) (18 marzo 2012)

Festa finale di Prima v'era (19 maggio 2012)

Festa di Carnevale 2013 (8 febbraio 2013)

 

Giochi Senza Barriere

GSB 2003 - Il libro della giungla

GSB 2004 - I Maya

GSB 2005 - I Supereroi

GSB 2006 - Madagascar

GSB 2007 - Il giro del mondo in 80 giorni (25 anni di GSB)

GSB 2008 - Il mondo Disney

GSB 2009 - Alice nel Paese delle Meraviglie

GSB 2010 - I Cavalieri della Tavola Rotonda

GSB 2011 - I Pirati

GSB 2012 - Le Olimpiadi (30 anni di GSB)

 

Caritas

Nuovi amici - 2002

Nuovi amici - 2004

Nuovi amici - 2005

Nuovi amici - 2007

Nuovi amici - 2011

Nuovi amici - 2012   Angeli a Baravliani: Serata di beneficenza con il Musiké


NonSoloPozzo

Viaggio Tanzania 2009

Costruzione asilo

Inaugurazione Asilo e Cresime

Viaggio in Tanzania 2011

Asilo e Divise

 

Decorazioni floreali

Quaresima e Pasqua 2010

Avvento e Natale 2010

Quaresima e Pasqua 2011

Prima Comunione 8/5/2011

Quaresima e Pasqua 2012

Quaresima e Pasqua 2013

 

Altro

Pellegrinaggio Madonna delle Rose - settembre 2003

Concerto di Natale 2004

GMG Colonia 2005

In alto i cuori - Saluto a don Giuseppe

Azione Cattolica - Adesione 2010-2011

GMG Madrid 2011

Azione Cattolica - Adesione 2011-2012

Neve Febbario 2012

Convivenza GVS 3-4 superiore - aprile 2012

Coro filarmonico di Dresda - 13 maggio 2012

Alba di maggio (presentazione video)

Cresime Skypark 2012

 
Cosa sono i GSB
Condividi

Tutto ebbe inizio in un caldo pomeriggio di agosto. Camposcuola parrocchiale a Meschia, località amena ai margini del monte Vettore. Età media 17 anni. Il campo era ormai al termine e, come di consueto, si tiravano le somme. Tutte le riflessioni del campo erano state fatte sulla lettera di Giacomo,con al centro il famoso versetto “anche la fede: se non ha le opere, è morta in se stessa”. Un richiamo alla fede operosa, che si pone degli obiettivi concreti, che rende visibile la conversione, il cambiamento di vita. Il campo era andato bene, eravamo affiatati, la Parola aveva fatto breccia, aveva aperto i nostri orizzonti. E così, come di solito accade in questi casi, è stato sufficiente accendere una miccia per provocare una esplosione. E' bastato che qualcuno ci dicesse “perché non organizzate una nuova tre giorni di giochi per i ragazzi in parrocchia?” per scatenare la fantasia e la voglia di fare.

 

 Così, quasi di getto, ci è venuto in mente sia il nome,“Giochi senza barriere” che lo schema generale: giochi in terra, giochi in acqua, serata finale. A dire la verità al Portone la tre giorni di giochi esisteva già, ma era per lo più concepita sullo schema delle olimpiadi, le “Portoniadi”.A noi però piaceva cambiare e lo schema dei Giochi senza frontiere ci sembrava più simpatico. I giochi sarebbero stati più buffi, con largo spazio a travestimenti, torri che cadono, percorsi accidentali e che dir si voglia. Inoltre fondamentale sarebbe stata l'acqua. Perché lo sanno tutti: se c'è l'acqua tutto è più divertente, basta una schizzo e già ridi. E poi è stato bello trovare un tema  unificante, che potesse generare un'unica coreografia.

 

Improvvisamente, tutti si sono sentiti coinvolti in questa avventura. Chi sapeva dipingere, chi cantare, chi ballare, chi usare gli attrezzi da lavoro, chi suonare. Insomma un esempio concreto e molto attraente di come rendere operosa la fede.

Detto in altri termini, credo che a molti di noi e a quelli dopo di noi quella esperienza abbia trasmesso lo stile con cui stare nella chiesa. Tutti sono importanti, nessuno è escluso. Tutto va condiviso, spiegato, in fondo amato. I conflitti, immancabili, possono essere occasione di crescita. 

 La cosa veramente sorprendente, forse unica, è stato per me vedere che dopo 25 anni i “Giochi senza barriere” sono più vivi che mai. Anzi, ogni anno ho l'impressione che le cose siano andate meglio rispetto all'anno precedente. I numeri parlano chiaro: per molti giovani i giochi sono forse l'esperienza più gustosa da fare in parrocchia. Si fatica ma ci si diverte anche. Si corre, ma alla fine si raggiunge una meta.

E poi ci sono i ragazzi, i giocatori, che davvero stravedono per i “Giochi senza barriere”. E' bello vedere come sia facile far passare la logica che è più importante partecipare che vincere. E' bello vedere come le squadre vivano in modo affiatato anche i cosiddetti “tempi morti” tra un gioco e l'altro. Sono i tempi in cui si fa evidente la dedizione e l'attenzione da parte degli animatori alla crescita umana e cristiana dei ragazzi. 

In 25 anni quante persone sono “passate” per i giochi! I ricordi si affollano, mi tornano alla mente tanti volti, tanti episodi. Davvero i “Giochi senza barriere” hanno scritto la storia della chiesa del Portone.

Francesco Spinozzi

 
Prec1234Succ

Per essere sempre aggiornato... iscriviti alla newsletter parrocchiale!



Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su un qualsiasi link su questa pagina darai il consenso all'utilizzo dei cookies.