PARROCCHIA SANTA MARIA DELLA NEVE - PORTONE

P.zza della Vittoria 14 | SENIGALLIA



28April Campiscuola 2017
Condividi

Camposcuola parrocchiale 

ISCRIVITI QUI

 
28April Campiscuola 2016
Condividi

Camposcuola parrocchiale 

SCARICA IL MODULO

          

 
21November Catechismo 2015/16
Condividi

 
02December Catechisti 2013-2014
Condividi

lista catechisti 2013-2014

 
03May Indicazioni per la scelta dei Padrini
Condividi

Essere padrino o madrina è un compito «ecclesiale».

In origine - e ancora oggi in terra di missione - il padrino era scelto dalla comunità cristiana e dato come fratello maggiore al nuovo battezzato-cresimato, perché questi non fosse abbandonato a se stesso nel suo cammino di fede. Spesso i genitori di colui che riceveva i sacramenti non erano cristiani e per questo la figura del padrino era necessaria: egli aveva il compito di aiutare il nuovo cristiano nelle difficoltà che la sua fede ancora giovane avrebbe potuto incontrare.

Nei paesi di missione tuttora è proprio così: il padrino accompagna il battezzando nella sua ricerca di fede e si fa garante della sua preparazione al momento del battesimo-confermazione.

Invece nelle nostre chiese di antica tradizione cristiana oggi non è ben chiaro il significato di questo servizio in favore dei ragazzi. Sono i genitori i responsabili della fede dei propri figli: nel matrimonio prima e poi soprattutto nel battesimo dei figli, essi si assumono l’impegno di educare la prole alla fede. Nella maggior parte dei casi oggi il padrino viene scelto per motivi di parentela o amicizia, molto validi dal punto di vista umano, ma non sempre sufficienti, perché talvolta non si tiene conto in modo adeguato della dimensione della fede e della partecipazione alla vita della comunità che sono essenziali per questo incarico.

Se possibile è bene che si trovi una persona che, accanto ai genitori, possa accompagnare il battezzato o cresimato nel cammino di fede. La presenza di un padrino diventa necessaria quando i genitori, che hanno per primi la responsabilità di educare alla fede i propri figli, per qualsiasi motivo non siano in grado di farlo.

Per quanto detto fin qui il padrino non deve essere necessariamente un parente, deve essere invece un cristiano che prega e cerca di vivere coerentemente la propria fede. Non un “santo”, ma un credente che cammina nella fede all'interno della chiesa con gioia e semplicità, in modo che possa essere spiritualmente vicino al ragazzo che gli viene affidato. Deve essere una persona matura, cresimata, di almeno 16 anni di età. Non può essere il genitore del ragazzo, che è già padre o madre, mentre è abbastanza naturale che sia un catechista o un educatore o un altro battezzato della comunità cristiana. Non è necessario che sia dello stesso sesso del ragazzo che riceve la cresima. Per il ruolo di testimonianza che deve rivestire, la Chiesa richiede che il padrino non sia convivente o sposato solo civilmente.

Nel caso che non si riesca a trovare una persona che risponda a queste indicazioni vi suggeriamo di confrontarvi con i sacerdoti. Come dicevamo sopra il sacramento si potrà ricevere anche senza il padrino o la madrina e durante la celebrazione il ragazzo sarà accompagnato semplicemente da un genitore.

 


Per essere sempre aggiornato... iscriviti alla newsletter parrocchiale!



Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su un qualsiasi link su questa pagina darai il consenso all'utilizzo dei cookies.